Rassegna stampa
03/11/2018: 

DECRETO GENOVA: FEDESPEDI CONTRO IL BALZELLO

La Gazzetta Marittima del 03-11-2018

 
19/10/2018: 

ROBERTO ALBERTI ALL'ASSEMBLEA CONFETRA: PORRE ATTENZIONE SULLA BREXIT

Primo Magazine del 19-10-2018

 
17/10/2018: 

I PRIMI 10 ANNI DI AEO

La Gazzetta Marittima del 17-10-2018

 



Notizie dal mondo associativoArchivio
PRESIDENTE MORETTO A INCONTRO CON MERK (ITF) E BELKAID (FEPORT) SU IMPATTI ALLEANZE ARMATORIALI     18/03/2019 17:30

Il Presidente di Fedespedi, Silvia Moretto, ha partecipato oggi a Roma all'incontro promosso da Confetra con Olaf Merk, Project Manager, Ports and Shipping  dell'International Transport Forum dell'OCSE ed estensore dello studio "The Impact of Alliances in Container Shipping" e  Lamia Kerdjoudj Belkaid, Segretario
generale
di Feport, Associazione Europea dei terminalisti portuali.

 

Obiettivo dell'incontro è stato quello di discutere, insieme agli altri rappresentanti del sistema associativo, gli impatti delle Alleanze armatoriali e la loro tendenza a verticalizzare la propria posizione dominante sul mercato, espandensosi dal mare alla terra e, dunque, all'intera supply chain logistica.

 

Per Fedespedi è stata l'occasione per ribadire la propria posizione contraria, senza condizioni, ad una eventuale proroga delle esenzioni dalla normativa antitrust (c.d. Block Exemption Regulation o BER) per le shipping lines, posizione perfettamente in linea con quanto espresso dall’International Transport Forum dell’OCSE nel suo rapporto.

 

A questo link è possibile leggere il comunicato stampa diffuso da Confetra.


14° Fedespedi Economic Outlook. MORETTO: crescente complessità è opportunità per spedizionieri     07/03/2019 16:58

E' disponibile su questo sito nella sezione Documenti il 14° quadrimestrale di informazione economica “Fedespedi Economic Outlook” pubblicato dal nostro Centro Studi, con i dati relativi al II semestre 2018.

 

Dallo studio emerge quanto grandi incertezze gravino sulla traiettoria a breve del ciclo economico italiano, spingendo imprese e consumatori a scelte prudenziali.

Le questioni “aperte” che hanno ridotto la crescita degli scambi internazionali nel 2018 e che iniziano a pesare sull’export (-0,4% a novembre 2018) e import (-2,2% a novembre 2018) italiani sono:

  • le politiche protezionistiche e daziarie di Trump e le lunghe trattative commerciali tra USA e Cina;
  • la flessione della crescita cinese;
  • il conseguente rallentamento delle economie dell’eurozona nel 4° trimestre del 2018
  • l’incognita Brexit e il rischio di un mancato accordo tra UE e Regno Unito: non dimentichiamo che il Regno Unito è il 5° partner commerciale dell’Italia, vale il 5,5% dell’export nazionale ed è tra i Paesi con i quali abbiamo il saldo commerciale positivo più alto (export: 21,208 miliardi di euro; import: 9,906 miliardi di euro), insieme a Stati Uniti, Francia e Svizzera;
  • gli embarghi verso Russia e Iran.

 

Tuttavia, l’export italiano continua a crescere (+3,8% nei primi 11 mesi del 2018, in calo rispetto al +7,4% del 2017 e appena sotto l’export mondiale, che fa segnare +4% nel 2018, anch’esso in calo rispetto al +5,3% del 2017). I risultati migliori sono verso l’Africa (+8,2%) e l’Asia Centrale (+17,4%), oltre che verso l’UE a 28 (+5,3%, nostro tradizionale bacino di destinazione). Per quanto riguarda il saldo commerciale, i Paesi con cui abbiamo maggior deficit rimangono Cina, Paesi Bassi, Germania e Belgio.

 

Questo il commento del Presidente, Silvia Moretto: “Come sappiamo, le aziende italiane sono fortemente orientate all’export. Dunque, tanto più in questo momento di incertezza e di crescente complessità dello scenario del commercio internazionale, la professionalità dello spedizioniere internazionale, partner strategico delle imprese che decidono di internazionalizzare la propria attività, può fare la differenza e può rappresentare la leva di crescita per la manifattura, soprattutto se si parla di MPMI.
Preoccupa di più, invece, il dato sulla flessione del traffico dei porti italiani (-2,4%) in controtendenza rispetto al +8,8% degli altri porti del Mediterraneo e alla continua crescita di quelli del Nord Europa. La perdita di competitività è un grave fattore di rischio per l’Italia e questo ritardo va recuperato con un gioco di squadra tra pubblico e privato per il miglioramento dell’efficienza dei sistemi di controllo delle merci in entrata/uscita, per migliorare il servizio reso alle imprese importatrici ed esportatrici”.


Per leggere il Comunicato stampa CLICCA QUI




Pubblicata la Nota Congiunturale 2018 del Centro Studi Confetra     06/03/2019 15:30

È stata pubblicata la Nota Congiunturale 2018 elaborata dal Centro Studi Confetra, relativa ai mesi gennaio-dicembre 2018. Il dato principale che emerge è un rallentamento della crescita in tutte le modalità di trasporto. Tale dinamica, iniziata nella prima parte dell’anno, si è accentuata nella seconda metà del 2018, ripercorrendo l’andamento dell’indice della produzione industriale rilevato dall’Istat.

Come nel primo semestre, i comparti che meno hanno risentito di questa congiuntura sono stati quello stradale e quello corrieristico, la cui crescita risulta comunque rallentata. Il ramo corrieristico ha registrato un +4% nelle consegne internazionali (rispetto al +6,9% del 2017), coerente con la continua espansione dell’e-Commerce. Gli acquisti on line degli italiani da siti nazionali ed internazionali raggiungono infatti i 27,4 miliardi di euro.
Anche il trasporto via mare mostra un peggioramento rispetto al trend degli anni 2016/2017. Tiene il traffico containerizzato di destinazione finale (+4,8%) e quello RO-RO (+2,5%). Passano, invece, in terreno negativo Rinfuse liquide (-1,0%) e Rinfuse solide (-4,6%) e continua ad arretrare drammaticamente il transhipment (-10,1% nel 2018).

Indicative del “sentiment” degli operatori e del clima di incertezza le previsioni di traffico per il I semestre 2019. Il campione di aziende intervistato da Confetra prevede per il 56,8% traffici stabili, per il 31,1% in crescita e in calo per il 12,2% (percentuale che era a 0 per lo stesso periodo del 2018).
  


Ultimi documenti
C 19/19 - “EXPORTDAY - BREXIT e Semplificazioni all’Export”: le Dogane incontrano le imprese 14/03/2019 15:01

C 18/19 - Costituzione degli Advisory Body (ex Sezioni) 13/03/2019 14:59

C 17/19 - Attivita' associativa - Presentazione “Service Point Confetra” - Milano, 25 marzo 2019 12/03/2019 14:52


FEDESPEDI aderisce a:

Sistema associativo







FEDESPEDI - Via E. Cornalia 19 - 20124 Milano - C.F. 80042890154 - Tel. +39 02 671541 - fedespedi@fedespedi.it - Informativa privacy - Cookie policy - Social policy